FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > SocioFobia Forum Generale > Sondaggi
Rispondi
 
Vecchio 02-01-2017, 23:23   #21
Esperto
L'avatar di Superpippo
 

predefinito Re: Suicidio o pazzia?

@ Samuele,

Il tuo ragionamento contiene una buona intuizione, e posso testimoniare che in parte è vero, ma in parte proprio no.
Il presupposto indispensabile è che , che chi è in depressione , ha bisogno di un ambiente sereno, protetto e non soggetto a stress. Un trasferimento è invece uno stress intenso. Impensabile.
Il lato vero è che se il depresso è lasciato tranquillo, può compiere piccole azioni istintive, irrazionali, senza scopo. Sedersi storti, spostare oggetti a capocchia, accendere e spegnere luci a capriccio (avvisando i familiari che è un gioco deliberato!).
Smuovere l'irrazionale è liberatorio, genera nuove energie, è un fare senza pensare. L'ho provato ed è vero. Una volta ero disperato. Allora mi dissi: "adesso vado al supermercato Billa, entro ed esco subito, senza guardare niente e torno direttamente a casa. Voglio sentirmi padrone di fare una bella cazzata, la prima che m'è venuta in mente". In breve mi risollevai.
Vecchio 03-01-2017, 02:28   #22
Intermedio
L'avatar di SamueleMitomane
 

predefinito Re: Suicidio o pazzia?

Quote:
Originariamente inviata da Nightdream87 Visualizza il messaggio
Esatto!! Chi si suicida lo fa perchè ha capito che il problema non risiede nel posto che lo circonda, ma dentro se stesso. E in tal caso qualsiasi fuga sarebbe superflua.
Scappare era solo un esempio, certo potrebbe essere una soluzione per alcuni, ma ci sarebbe l'inconveniente che gia avete notato, cioe che si rischia di portare i problemi con se. Ed è qui che giunge la pazzia che tenta di vanificare i problemi affrontandoli di petto.

Quote:
Originariamente inviata da blackcat77 Visualizza il messaggio
Immagino che per pazzia stiamo intendendo il voler scegliere di compiere consapevolmente azioni che esulano dal comune senso sociale, perchè il pazzo conclamato in quanto incapace di intendere e volere non penserà mai al suicidio. Premesso questo, ritengo che la scelta tra l'una e l'altra presuppone già di aver risolto o non risolto definitivamente i propri problemi: se scelgo ed ho la forza di cambiare vita, posto ed vedere cosa c'è oltre l'oscura quotidianeità allora vorrà dire che non sono più depresso, in caso contrario non mi muoveró da dove sono e penseró al suicidio.
Quello che intendo è una pazzia studiata, che vuole negare i problemi emotivi che ostacolano una persona dal non agire, dal non fare una determinata cosa. Ad esempio, vuoi conoscere una ragazza? Questa è gia una situazione difficile per uno normale, figuriamoci per un fobico. Mille pensieri rincorrono, quindi la pazzia è da intendere come la capacità di ignorare completamente questi pensieri, (perché in fondo cio che ci ostacolano realmente sono solo pochi metri di distanza) uscire completamente da noi stessi. Esempio banale, ma vale per tutto. Insomma, il prendere decisioni anche estreme per il tuo bene, ignorando le conseguenze emotive(stress,ansia,imbarazzo e tutte quelle cose li) a cui andrai incontro e affrontando, con lo stesso atteggiamento, le possibili conseguenze reali negative.
Quindi per il suicidio: se devo prendere una decisione cosi estrema, tanto vale che me ne frego di tutto e agisco (se è possibile agire) , vado in disco da solo e ci provo con tutte, vado allo stadio e anche se non sono tifoso incomincio ad urlare insieme a tutti, faccio qualsiasi cosa che mi dia un po di gioia ma che al contempo mi dia l'esperienza e la confidenza necessaria per incominciare a vivere felicemente in futuro, e magari quelle esperienze ci hanno portato a conoscere nuove persone con le quali si puo "ricominciare".
Vecchio 03-01-2017, 02:47   #23
Intermedio
L'avatar di SamueleMitomane
 

predefinito Re: Suicidio o pazzia?

Quote:
Originariamente inviata da Superpippo Visualizza il messaggio
@ Samuele,

Il tuo ragionamento contiene una buona intuizione, e posso testimoniare che in parte è vero, ma in parte proprio no.
Il presupposto indispensabile è che , che chi è in depressione , ha bisogno di un ambiente sereno, protetto e non soggetto a stress. Un trasferimento è invece uno stress intenso. Impensabile.
Il lato vero è che se il depresso è lasciato tranquillo, può compiere piccole azioni istintive, irrazionali, senza scopo. Sedersi storti, spostare oggetti a capocchia, accendere e spegnere luci a capriccio (avvisando i familiari che è un gioco deliberato!).
Smuovere l'irrazionale è liberatorio, genera nuove energie, è un fare senza pensare. L'ho provato ed è vero. Una volta ero disperato. Allora mi dissi: "adesso vado al supermercato Billa, entro ed esco subito, senza guardare niente e torno direttamente a casa. Voglio sentirmi padrone di fare una bella cazzata, la prima che m'è venuta in mente". In breve mi risollevai.
È proprio quello il punto! Lo stramaledetto stress, l'ansia e tutte le cose che ci limitano, sono nella testa, quindi la pazzia è in realtà una presa di conscienza di ciò, sovrapponendo l'azione al pensiero,almeno fino a quando non si uscirà dall'eventuale depressione o problema. Esempio: sei quotidianamente bullizzato e umiliato, pensi al suicidio(quanti ragazzini si sono suicidati per ste stronzate?). Bisogna trovare una soluzione estrema, senza pensare alle conseguenze, come provare a menare i tipi che ti umiliano, anche se non è da te, anche se finiresti male, anche se comprometterebbe la tua reputazione, insomma escogitare qualsiasi cosa che ti permette di uscire da questa situazione.
Il tuo gesto, sebbene ti ha recato sollievo al momento, non ha contribuito alla tua situazione al lungo termine, è stata solo una piccola azione irrazionale e anch'io ne ho parecchie esperienze (ci ho rimesso i miei bellissimi capelli). O sbaglio?
Vecchio 03-01-2017, 09:20   #24
Principiante
 

predefinito

Quote:
Originariamente inviata da SamueleMitomane Visualizza il messaggio
Quello che intendo è una pazzia studiata, che vuole negare i problemi emotivi che ostacolano una persona dal non agire, dal non fare una determinata cosa.
Avevo capito, ma allora la domanda sarà suicidio o pura consapevolezza della realtà senza filtri etici, morali ed educativi?
Bello a dirsi vero? Chi non sceglierebbe la seconda..il problema è che non basta averne consapevolezza se questa non è in grado di rompere le nostre automaticità inconsce derivazione di dolori/repressioni non vissuti.
Vecchio 03-01-2017, 10:14   #25
Esperto
 

predefinito Re: Suicidio o pazzia?

La volontà non è tutto, non siamo delle divinità indipendenti dal contesto, siamo degli insetti dipendenti da un sistema dove o ti adatti o vieni schiacciato... oltre alle oggettive difficoltà c'è anche la china di grigio, che ti ricorda che in ogni caso sei un insetto che non può scegliere habitat più confortevoli perchè gli è stato imposto un certo habitat che di fatto non lo aggrada...
Vecchio 03-01-2017, 10:23   #26
Esperto
L'avatar di Superpippo
 

predefinito Re: Suicidio o pazzia?

@ Samuele,

Hai preso un pesce grosso!

Riflettiamo: depressione e/o fobia sociale conducono a una grande introversione. Si diventa molto studiati; si fanno mille ragionamenti e congetture, prima di dire qualcosa, magari pure di poca importanza. Tutto questo studio diventa una prigione mentale soffocante.

Dare uno sfogo controllato all'irrazionale permette di ritrovare espressività; si portano fuori dei contenuti liberamente, senza studio, senza la solita analisi infinita e paralizzante. Rompe la gabbia.
Vecchio 03-01-2017, 12:35   #27
Principiante
 

predefinito

La pazzia secondo me esclude la depressione, perchè il suo raggiungimento significa (sia nel caso di pazzia patologica che di quella "sociologica" e "culturale" e di cui stiamo discutendo) fregarsene di quelle regole e di quegli schemi che costituiscono il dramma e nel quale ognuno di noi è caduto per i più diversi motivi/traumi annidatisi nella nostra parte incoscia.
Vecchio 06-01-2017, 03:15   #28
Intermedio
L'avatar di SamueleMitomane
 

predefinito Re: Suicidio o pazzia?

Quote:
Originariamente inviata da blackcat77 Visualizza il messaggio
Avevo capito, ma allora la domanda sarà suicidio o pura consapevolezza della realtà senza filtri etici, morali ed educativi?
Bello a dirsi vero? Chi non sceglierebbe la seconda..il problema è che non basta averne consapevolezza se questa non è in grado di rompere le nostre automaticità inconsce derivazione di dolori/repressioni non vissuti.
Rispondendo alla domanda, hai ragione, infatti potrebbe/dovrebbe essere un qualcosa di temporaneo, per rompere la gabbia, ma non possiamo sperare in un totale controllo degli eventi.
Bastasse la consapevolezza! l'istinto è cento volte più efficace dell'intelletto,della parte razionale, anche dal lato negativo, perché più consolidato. Le automaticità inconsce di cui parli sono parecchio difficili da abbattere. Per farlo dovremmo sostituirle con altrettante abitudini positive.
Comunque ribadisco che, l'imbarazzo, la vergogna, la paura, l'ansia, lo stress, sono dei virus da quando ti impediscono di fare . Alcuni ci potranno convivere trovando il loro equilibrio in un certo contesto, ma per me sono come una malattia da estirpare, ci sto lavorando ma fino ad ora nessun risultato degno di nota.
Vecchio 06-01-2017, 03:22   #29
Intermedio
L'avatar di SamueleMitomane
 

predefinito Re: Suicidio o pazzia?

Quote:
Originariamente inviata da Superpippo Visualizza il messaggio
@ Samuele,

Riflettiamo: depressione e/o fobia sociale conducono a una grande introversione. Si diventa molto studiati; si fanno mille ragionamenti e congetture, prima di dire qualcosa, magari pure di poca importanza. Tutto questo studio diventa una prigione mentale soffocante.
Esatto, anche per cose banali, mi sale un'insicurezza inspiegabile, quando poi c'è certa gente che prima di aprire bocca dovrebbe chiedere il permesso.
Vecchio 06-01-2017, 04:38   #30
Esperto
L'avatar di Introverso
 

predefinito Re: Suicidio o pazzia?

Quote:
Originariamente inviata da SamueleMitomane Visualizza il messaggio
Ci sono così tante cose in questo mondo, è impossibile che nessuna di queste ci renda felici.
L'amore
Le donne
Il cibo
I porno
Lo shopping
I film
La musica
Il fantasy
La fantascienza
L'alcol (moderato)
Le caramelle
I dolci
La pizza
Gli spaghetti con centordici sughi
L'arrosto con patate xD

Il suicidio ha poche scusanti, pur essendo "meglio" in certe situazioni...

Ed è proprio quando raggiungi il fondo che capisci che non ci sono "vere" pazzie, solo prospettive...

Ultima modifica di Introverso; 06-01-2017 a 20:15.
Vecchio 07-01-2017, 03:59   #31
Intermedio
L'avatar di SamueleMitomane
 

predefinito Re: Suicidio o pazzia?

Quote:
Originariamente inviata da Introverso Visualizza il messaggio
L'amore
Le donne
Il cibo
I porno
Lo shopping
I film
La musica
Il fantasy
La fantascienza
L'alcol (moderato)
Le caramelle
I dolci
La pizza
Gli spaghetti con centordici sughi
L'arrosto con patate xD

Il suicidio ha poche scusanti, pur essendo "meglio" in certe situazioni...

Ed è proprio quando raggiungi il fondo che capisci che non ci sono "vere" pazzie, solo prospettive...
La soluzione sarebbe quindi, abbassare le nostre aspettative? È solamente confronto e il desiderio che ci rende insoddisfatti per ciò che abbiamo (per me dal cibo in giù ovviamente )?
In effetti, con un piatto di spaghetti al sugo d'avanti, un motivo per vivere lo si trova eccome, almeno finché ci sono gli spaghetti.
Vecchio 07-01-2017, 04:32   #32
Esperto
L'avatar di Introverso
 

predefinito Re: Suicidio o pazzia?

Quote:
Originariamente inviata da SamueleMitomane Visualizza il messaggio
La soluzione sarebbe quindi, abbassare le nostre aspettative? È solamente confronto e il desiderio che ci rende insoddisfatti per ciò che abbiamo (per me dal cibo in giù ovviamente )?
In effetti, con un piatto di spaghetti al sugo d'avanti, un motivo per vivere lo si trova eccome, almeno finché ci sono gli spaghetti.
Quello che volevo dire è che bisogna valutare molto attentamente il suicidio, usarlo solo quando veramente necessario.
Per il resto anche nei momenti più bui si può trovare un filo di luce, proprio perché il buio è talmente intenso da rendere anche un filo di luce un faro.
Vecchio 07-01-2017, 04:39   #33
Esperto
 

predefinito Re: Suicidio o pazzia?

Quote:
Originariamente inviata da Introverso Visualizza il messaggio
Quello che volevo dire è che bisogna valutare molto attentamente il suicidio, usarlo solo quando veramente necessario.
Per il resto anche nei momenti più bui si può trovare un filo di luce, proprio perché il buio è talmente intenso da rendere anche un filo di luce un faro.
È per questo che nelle comunity dedicate si fanno dei distinguo tra suicidio raptus e suicidi razionali, i primi non sono ben visti e spesso non vengono neanche accettati
Vecchio 07-01-2017, 10:00   #34
Esperto
L'avatar di Introverso
 

predefinito Re: Suicidio o pazzia?

Quote:
Originariamente inviata da Krieg Visualizza il messaggio
È per questo che nelle comunity dedicate si fanno dei distinguo tra suicidio raptus e suicidi razionali, i primi non sono ben visti e spesso non vengono neanche accettati
Giusta distinzione.
Poi immagino dipenda anche dall'impulsività di una persona e dal tipo di problemi psicologici.
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Suicidio o pazzia?
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Non so che cosa sia, invidia o pazzia? Alley SocioFobia Forum Generale 13 29-07-2014 06:59
pazzia red dragon SocioFobia Forum Generale 5 09-04-2013 18:42
Rabbia repressa: Forma di pazzia? Francesco94 Ansia e Stress Forum 15 12-12-2012 15:13
Pazzia (altrui) Martello SocioFobia Forum Generale 77 22-03-2012 20:50
QUASI pazzia icek Trattamenti e Terapie 11 09-02-2008 14:37



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 15:45.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2017, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2